You are here

Da Smart Campus a Smart Community

Cos’è Smart Community

Smart Community è l'evoluzione della precedente iniziativa Smart Campus. Uno degli scopi di Smart Community è quello di ampliarla, confermandone idee e attività. Il progetto si rivolge a cittadini, aziende e istituzioni, per favorire la cooperazione orientata allo sviluppo. Nella logica del progetto ogni singola iniziativa dev'essere condivisa e concordata con i soggetti che se ne occupano, da qui il termine “community”, che sta ad indicare un metodo che rende il tutto più “armonioso”.

La parte sostanziale del progetto è svolta da ricercatori, che operando su una piattaforma digitale sviluppano software e, in particolare, applicazioni per smartphones con sistema operativo Android e IOS. I programmi sviluppati servono per facilitare la vita di tutti i giorni, ne è un esempio l’App “ViaggiaTrento” , un’applicazione che promuove la mobilità urbana sostenibile a Trento (Per esempio: integrazione tra orari Trasporti pubblici e verifica della disponibilità dei parcheggi in tempo reale).

Smart Community e FBK Junior

Uno degli scopi di Smart Community è coinvolgere le persone: FBKJUNIOR partecipa con studenti in stage. Il loro compito è di contribuire allo sviluppo delle applicazioni, programmandole e testandole in prima persona. Nel contest di fine stage 2014 uno studente, che ha presentato il suo sviluppo dell’App Viaggia Trento, è stato premiato. Durante l'anno scolastico 2015 Smart Community è stao oggetto  di un evento e di uno stage continuativo con l'ITT "G: Marconi" di Rovereto. Tutti gli studenti delle quinte hanno partecipato ad una JUNIOR Lesson Research&Development dedicata a "ICT for Society" e successivamente ad uno stage continuativo, entrambi svolti in modalità CLIL- full immersion in inglese.  

Essere "Smart" conviene 

Da alcuni anni l’area tematica delle Smart City e Smart Territory è considerata da FBK come un settore strategico, sia per la sua crescente importanza a livello Internazionale ed europeo, sia per le concrete ricadute che l’attività svolta in ambito ICT in questo settore può avere sui Territori. l progetto, rivolto all'I.T.T. "Marconi" di Rovereto nel quadro di due progetti a finanziamento europeo, è pilota di un più ampio coinvolgimento delle scuole superiori nella tematica delle Smart City e Smart Territory.

Nei suoi progetti l'Unità SOA - Service Orineted Applications - ha l'obiettivo di realizzare applicativi su mobile rivolti a studenti e cittadini, tra cui "ViaggiaRovereto", applicazione nel campo della mobilità sostenibile che offre un pianificatore per viaggi multimodali che utilizzino i trasporti pubblici della città di Rovereto.

Il progetto prevede due modalità di approccio:

Per le terze classi è proposta una attività di 'utilizzatori smart'  dell'applicazione ViaggiaRovereto, sviluppata dal progetto Smart Campus con la partecipazione del Comune di Rovereto.

Gli studenti verranno dotati di smartphone e verranno coinvolti in una sperimentazione volta a raccogliere feedback ed esperienze nell’utilizzo della app. Oltre ad un incontro di presentazione dell’iniziativa gli studenti verranno coinvolti in un primo incontro all'inizio della sperimentazione dove operativamente verrà consegnato lo smartphone e si spiegherà la procedura per dialogare; verranno invitati solo gli studenti interessati e quelli che avranno superato bene gli scrutini del primo quadrimestre. Le modalità per dialogare riguarderanno principalmente la stesura di diari e l'utilizzo di un forum.

Ci saranno poi un incontro a metà percorso ed uno a fine percorso, in cui saranno coinvolti gli studenti in focus group per discutere in maniera strutturata dell'applicazione realizzata. Quarte e quinte classi verranno coinvolte in attività di sviluppo per quanto riguarda:

  1. Programmazione Android, con accento agli aspetti di progettazione della app e degli aspetti legati al front-end (design e implementazione dell'interfaccia e dell'interazione)
  2. Focus sugli aspetti di progettazione della web app mobile.
  3. Utilizzo dei servizi messi a disposizione dalla piattaforma Smart Campus per lo sviluppo di una app.
  4. Utilizzo dei servizi messi a disposizione dalla piattaforma Smart Campus per lo sviluppo di una applicazione web.
  5. Corso di Java Andorid, basato su Smart Campus per qual che riguarda le attività di realizzazione delle app di testo.

 Responsabili scientifici

per ITI “G. Marconi” : Gianfranco Festi, Giuliano Asioli

per la Fondazione Bruno Kessler: Marco Pistore, Matteo Gerosa

per il Comune di Rovereto: Tiziano Fait, Tiziana Pezzato

per FBKJUNIOR: Micaela Vettori